Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato

Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato? Scegli Ambiente Spurgo!

L’Autospurgo Prato e l’ Emergenza Autospurgo Prato di Ambiente Spurgo è una delle attività della nostra azienda che vanta anni di esperienza maturata in questo settore e in generale tutto ciò che riguarda la pulitura e la stasatura tubazioni di fosse biologiche civili e industriali. Il nostro obiettivo principale è essere all’avanguardia nel settore dell’ecologia, e programmiamo interventi di manutenzione ordinaria per condomini, enti ospedalieri, hotel, supermercati e aziende. Le nostre principali caratteristiche sono l’accortezza per gli ambienti, l’attenzione per i dettagli, una strumentazione tecnica qualificata, abbiamo programmi di monitoraggio avanzati, servizi su misura, ma soprattutto forniamo un servizio di Emergenza Autospurgo Prato disponibile 24 ore su 24, 365 giorni l’anno.

Per quanto riguarda l’ Autospurgo Prato e l’Emergenza Autospurgo Prato , sul nostro sito potete contattarci per ottenere un preventivo personalizzato sulla base delle vostre esigenze e per ogni tipo di richiesta, oppure potete chiamarci, se avete urgenza, al PRONTO INTERVENTO 24/24, sempre a disposizione per tutto l’anno, festivi compresi, ai numeri: 347 4188240 – 0574 813362 .

Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato. Scopri tutti i servizi di Ambiente Spurgo a Prato! Contattaci

Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato: quando chiamare l’autospurgo ?

La manutenzione della fossa biologica andrebbe eseguita almeno una volta l’anno, quindi è buona norma chiamare l’Autospurgo Prato con questa frequenza. Perché la fossa settica va svuotata una volta all’anno?

Una fossa biologica è composta da un grande serbatoio dove vengono scaricati, per mezzo di un tubo (affluente), i liquami provenienti da un’abitazione. In essa sono presenti dei microbi anaerobici che “digeriscono” le acque reflue. Questo processo serve a dividere i rifiuti in fanghi che stanno sul fondo, e materiali liquidi e schiumosi che stanno in alto. Inoltre nella fossa sono presenti canali di dispersioni per le acque depurate (effluenti).

Quindi se non si esegue uno svuotamento, le sostanze schiumose e solide aumentano e rischiano di otturare queste condotte effluenti. Una volta che la fossa viene svuotata in genere si procede al lavaggio della vasca. Ovviamente tali operazioni non possono essere eseguite in modalità fai-da-te, ma è necessario affidarsi a una ditta specializzata che ha attrezzature professionali in grado di effettuare un lavoro a regola d’arte per evitare in seguito sversamenti di liquami che oltre a creare un disagio importante, può produrre un rischio ambientale e sanitario a causa della presenza di rifiuti biologicamente pericolosi.

In casi come questi sarà allora necessario intervenire prontamente e immediatamente e chiamare il servizio di Emergenza Autospurgo Prato di Ambiente Spurgo, disponibile 24 ore su 24 in qualsiasi giorno dell’anno.

Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato: come si fa a mantenere efficienti e a prolungare la capacità dei pozzi neri e delle fosse biologiche?

Come si è detto una fossa biologica o un pozzo nero che viene mantenuta costantemente grazie a interventi periodici di svuotamento e lavaggio non dovrebbe avere problemi. Ma esiste un’attività che tutti possono eseguire tranquillamente senza essere esperti, ed è quella di controllare il livello dei liquami, soprattutto in presenza di forti piogge, perché l’acqua piovana potrebbe contribuire a innalzare il livello dei liquidi in esso presenti, oppure se si utilizzano troppi detersivi che, almeno per le fosse biologiche, tendono ad aumentare il livello delle schiume.

Quindi ecco alcuni consigli che noi di Ambiente Spurgo raccomandiamo sempre ai nostri clienti e che permettono di mantenere la fossa biologica e aumentare la sua durata nel tempo:

  • Una volta all’anno chiama una ditta che esegua lo svuotamento e il lavaggio della fossa biologica. Per esempio Ambiente Spurgo propone moltissimi tipologie di manutenzione per ogni esigenza
  • Non usare glis carichi come cestino per i rifiuti. Le salviette di tessuto, pannolini e altri rifiuti non idrosolubili creano delle ostruzioni che possono pregiudicare il funzionamento della fossa biologica.
  • Non utilizzare prodotti chimici, disgorganti o acidi, perché potrebbero eliminare o inibire l’azione digestiva dei microbi anaerobici preposti allo smaltimento dei liquami.
  • Controllare sempre il livello della fossa biologica e fare attenzione quando vi sono forti piogge. Se si nota che piove per giorni o per settimane, controllare subito il livello dei liquidi e se necessario contattare una ditta specializzata.

Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato: quanto può durare una fossa biologica?

Una fossa biologica può durare molto nel tempo, in genere da un minimo di 20 anni a un massimo di 50 o 60 anni. Se viene effettuata una corretta manutenzione, viene svuotata regolarmente, se viene lavata, se non si utilizzano liquidi chimici aggressivi per la pulizia e non si gettano nello scarico elementi che possono danneggiarla in media può durare tranquillamente fino a 40 anni.

Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato: come funziona un autospurgo e a cosa serve?

In pratica L’autospurgo Prato è composto dall’abitacolo dove l’addetto, oltre a guidare il mezzo, ha a disposizione i vari controlli del mezzo. Sul retro invece si trova la cisterna, preposta ad accogliere i liquami, e una pompa con bocchettone, dotata a sua volta di eventuali prolunghe che vengono installate a seconda della distanza dal pozzo nero o dalla fossa biologica (in pratica, se ci passate l’analogia, assomiglia un po’ a un grande aspirapolvere).

Un’ autospurgo è quindi un mezzo costituito da un telaio (autocarro o struttura scarrabile) ed un allestimento.

Tale allestimento è composto da una cisterna, per la raccolta dei reflui, e serbatoi dell’acqua che possono essere sia interni ad essa che esterni e quest’ ultima: prendono il nome di cassonetti. Applicati alla cisterna ci sono innumerevoli dispositivi quali:

  • cassetta comandi (innesto pompa alta pressione, acceleratore, ecc…);
  • depressore;
  • pompa ad alta pressione (pompa dell’acqua);
  • sonde ad alta pressione;
  • naspo aspirazione;
  • pompa volumetrica (pompa per travaso acqua).

Per azionare l’impianto dell’Autospurgo Prato l’operatore deve eseguire i seguenti passaggi:

  1. premere la frizione del veicolo;
  2. inserire la marcia desiderata;
  3. attivare la frizione della presa di forza tramite interruttore;
  4. rilasciare la frizione del veicolo.

Essa può essere di due tipi: al cambio e al volano. La presa di forza al cambio, una volta azionata, esclude il moto trasmesso al differenziale delle ruote motrici del veicolo, di conseguenza può essere utilizzata solo a veicolo fermo, e lo trasmette ai gruppi (pulegge) che permettono la circolazione dell’olio idraulico, tramite una pompa azionata da cinghie, ai vari servizi e l’innesto o meno del depressore e della pompa ad alta pressione. La presa di forza al volano può essere utilizzata anche a veicolo in movimento in quanto prende il
moto dal volano del motore. Essa, infatti, viene utilizzata per operazioni in movimento per esempio per il lavaggio strade per la pulizia dei pozzetti stradali.

Il depressore (pompa del vuoto) è azionato tramite una frizione pneumatica, riceve il moto dai gruppi (pulegge) attraverso cinghie trapezoidali, ed è comandata dal radiocomando
dell’operatore o dalla cassetta comandi. È un dispositivo che permette di eseguire la compressione e decompressione in cisterna in modo da aspirare o meno i reflui. È raffreddato ad aria così da ridurre l’inquinamento atmosferico ed è dotato di silenziatori sullo scarico in modo tale da abbattere l’emissione acustica prodotta dalle tubazioni stesse.

Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato. Scopri tutti i servizi di Ambiente Spurgo a Prato! Contattaci

La pompa ad alta pressione (pompa dell’acqua) è azionata anch’essa da una frizione pneumatica e riceve il moto dalle cinghie trapezoidali collegate alle pulegge o gruppi.
Preleva l’acqua presente nel scomparto interno o nei due cassonetti; attraversa un filtro per fermare le impurità e successivamente è inviata alla pompa. Essa, tramite un potenziometro presente nel radiocomando o nella cassetta comandi, ne regola la pressione e la portata che per esempio possono aggirarsi attorno i 250 bar e 290 lt/min. Infine, è presente un sensore per la segnalazione di livello minimo dell’acqua che è un dispositivo automatico che disinnesta la frizione della pompa in modo tale da interrompere il flusso d’acqua alla stessa. Contemporaneamente si accende una segnalazione luminosa (spia) in cassetta comandi che si spegnerà una volta fatto il rifornimento.

Le sonde ad alta pressione sono montate in aspi avvolgitori, in acciaio inox, tramite un giunto girevole è possibile svolgere/avvolgere la sonda e permettere il regolare flusso
dell’acqua. L’aspo avvolgitore è azionato idraulicamente tramite una catena per permettere maggior sicurezza e robustezza. Le sonde sono costituite da tubi per alta pressione in gomma con fibra tessile, con una pressione di esercizio (con riferimento alla pompa acqua 250 bar 290 lt/min) fino a 250 bar e di scoppio ben superiore, sino a tre volte quella di esercizio. Sono presenti due tipologie di sonde: la prima utilizzata per tubazioni di modeste dimensioni, la seconda per tubazioni di diametri: 500, 600, 800.

Il naspo d’aspirazione è costituito da un tubo di aspirazione, resistente alla compressione, collegato ad un giunto girevole; è trascinato da guida tubo automatico per permettere
l’avvolgimento/svolgimento attorno alla ruota. Tra la cisterna ed il giunto girevole è montata una saracinesca a comando pneumatico in modo tale da mettere in comunicazione il
naspo aspirazione con essa. La pompa volumetrica è invece una pompa a lobi rotativi ovvero è costituita da due rotori che rendono il flusso continuo. Azionata tramite comando idraulico, è utilizzata per riempire i cassonetti, in situazioni di emergenza per esempio per gli allagamenti. Infine, c’è la cassetta comandi. All’interno di questa cassetta sono presenti diversi relè, diverse valvole pneumatiche ed una decina di selettori. Tutti questi dispositivi comandano una precisa funzione delle parti del veicolo, per esempio può
essere l’apertura o la chiusura delle saracinesche, avvolgere/svolgere le sonde ad alta pressione.

Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato: devi chiamare l’autospurgo oppure sei in emergenza?

Anche il pozzo nero più curato del mondo ha bisogno di essere svuotato regolarmente. Ambiente Spurgo è tra le migliori aziende di Autospurgo Prato, spurgo pozzi e fosse biologiche, contattaci!

Inviaci un’email oppure chiamaci per un preventivo gratuito e senza impegno. Scopri tutte le proposte e le soluzio di Autospurgo Prato e Emergenza Autospurgo Prato di Ambiente Spurgo!

SE VUOI AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI O UN PREVENTIVO SENZA IMPEGNO

CONTATTACI, SCRIVICI UNA EMAIL ALL’INDIRIZZO: info@ambientespurgo.191.it O CHIAMA 347 4188240 OPPURE 0574 813362